Traslochi nazionali: come organizzarlo e ditte specializzate

Quando si tratta di effettuare un trasloco è bene valutare con grande attenzione quelle che sono le disponibilità offerte dal mercato e dalle ditte operanti nel settore in questione. Una buona ditta di traslochi si distingue da una mediocre sotto diversi aspetti, a partire dall’efficienza e dall’organizzazione delle operazioni.

Trattandosi di un’operazione estremamente delicata, il trasloco necessita di una fase di studio che anticipi la fase effettiva di spostamento dei beni materiali, sia che si tratti di un trasloco nazionale, sia che si tratti di un trasloco internazionale.

Tralasciando quest’ultimo, il quale richiede una preparazione approfondita del caso nonché una conoscenza pressoché perfetta delle leggi internazionali in materia di trasporto dei materiali, è dal punto di vista degli spostamenti nazionali che la concorrenza si fa più aspra: le numerose ditte presenti sul territorio rendono assai difficile prendere una decisione definitiva.

In ogni caso, per una scelta più oculata è possibile verificare quali servizi offre una determinata ditta e a quale costo, in modo da effettuare una valutazione preventiva delle aziende prese in considerazione.

Senza dubbio, una delle migliori aziende operanti sia sul territorio nazionale che su quello internazionale è Traslochi a Roma, la quale offre prima di tutto la possibilità di ottenere un preventivo in relazione alle operazioni da effettuare, oltre alle diverse modalità organizzative di qualsiasi tipo di trasloco.

Già, ma come si organizza un trasloco nazionale? Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione? L’organizzazione del trasloco passa prima di tutto dalla fase in cui il cliente entra in contatto con le aziende specializzate.

Per far ciò, egli si baserà sulla fama della ditta, sull’esperienza della stessa e sui servizi che questa offrirà ad un prezzo ottimale. Individuata l’azienda più adatta sulla base delle proprie possibilità, sarà necessario comunicare alla ditta la tipologia di trasloco che si intende effettuare, dopodiché saranno gli addetti ai lavori a fornire idee diverse sulle modalità con le quali si procederà con le operazioni, il tutto a seconda delle esigenze del cliente. Dopo aver visionato le proposte dell’azienda, toccherà al cliente prendere una decisione relativa all’andamento del trasloco.

L’importanza dell’organizzazione, in un trasloco, è fondamentale. Le fasi organizzative non terminano con la scelta delle modalità di base delle operazioni, ma proseguiranno con la definizione di un programma dettagliato relativo alle procedure che verranno eseguite dagli addetti ai lavori.

Il programma in questione terrà conto di tutti gli aspetti inerenti alle operazioni di trasloco, a partire dall’inventario: prima di procedere con il trasloco vero e proprio, il cliente dovrà redigere un documento contenente al suo interno voci specifiche per ogni singolo elemento che dovrà essere trasferito da un luogo all’altro.

In questo modo la ditta potrà determinare quanta forza lavoro impiegare per il trasloco sulla base della reale entità dei lavori da portare a termine. Non solo: l’inventario servirà per identificare gli oggetti da spostare qualora si verificassero problematiche di vario tipo (rottura di materiali delicati, perdita di componenti ecc…). Terminato e comunicato l’inventario, la ditta fornirà in maniera chiara e trasparente il cronoprogramma definitivo con le informazioni relative alle tempistiche delle operazioni di trasloco.

Pin It